Entra in contatto:
rugby turismo maori rwc2011 2 736910896

Pensieri Ovali

Rugby Parmense: mischiatevi, per una volta

Rugby Parmense: mischiatevi, per una volta

Quest'anno corrono gli 80 anni della Rugby Parma, i 40 dell'Amatori Parma, i 40 del Rugby Noceto. Una straordinaria coincidenza che forse meriterebbe un festeggiamento eccezionale.

Unione. Una bella parola. Significa solidarietà, significa fare squadra, significa condividere passioni, gioie e dolori. Alla parola unione, pensando al rugby, viene in mente la maul, la mischia ordinata ovvero tutti uniti a spingere per un obiettivo comune: la meta. Ma anche il terzo tempo. Nell’ambiente rugbystico parmigiano questo vocabolo è un po’ desueto. Lo si è visto recentemente. Parlando di unione viene anche in mente l’associazione “Amici del rugby” ed il loro motto “Mischiamoci”. Un’associazione che raccoglie persone di tutte le estrazioni rugbystiche locali. Questa primavera, parlando al telefono con uno dei fautori dell’associazione gli feci una considerazione e lo stesso mio interlocutore mi svelò essere stato proposto in seno alla stessa associazione. La nostra idea, separata ma coincidente, era la seguente. Il 2011 è un anno da segnare: oltre a Parma Città Europea dello Sport corrono gli 80 anni della Rugby Parma, i 40 dell’Amatori Parma e i 40 del Rugby Noceto. E’ la storia del rugby locale. Manca il Colorno … Non si può avere tutto dalla vita; vorrà dire che eventualmente festeggerà i 35 … postumi. Sarebbe bello, crediamo, fare in modo di creare un evento per questa particolare occasione di festa; tutti insieme, per una volta, con tanti ricordi, tanti personaggi. Pare che all’associazione non abbiano avuto incoraggianti ritorni. E’ un evento storico importante, unico, in un anno altrettanto importante per la città sportivamente parlando; al di là delle difficoltà del momento, economiche e di intenti, di chi quella lunga storia la sta portando all’oblio e delle varie magagne, forse per una volta non sarebbe male fare un bel “terzo tempo” speciale. Magari vedremmo sorrisi di circostanza o saluti forzati, ma è storia del rugby, una storia che sta cambiando; è il movimento che festeggia e che deve dire grazie a tutti per ciò che è stato. Forse è solo un sogno.

Commenti
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Pensieri Ovali