Entra in contatto:
Federico Davighi e Marcello Delfante in Futura Fornovo Medesano Felino 3 1 13a giornata Promozione 2023 2024

Promozione gir. A

PREVIEW Promozione: a Carignano l’Alsenese di Cocchi. Cervo, si riparte da Sarmato

Foto: Massimo Morelli

PREVIEW Promozione: a Carignano l’Alsenese di Cocchi. Cervo, si riparte da Sarmato

Comincia oggi il weekend di Promozione, con il Real Sala Baganza impegnato a Bobbio, e prosegue nel pomeriggio di domenica con le altre cinque parmensi protagoniste.

Grandissima sfida a Carignano, trasferte insidiose per Noceto e il nuovo Cervo, mentre Felino e Futura Fornovo Medesano proveranno a mettersi in scia dell’irraggiungibile Gotico Garibaldina e dell’Alsenese di Cocchi, attesi proprio nel match del “Padovani”.

Sarà il Real Sala Baganza (16 punti) a inaugurare il turno, atteso sul campo della Bobbiese (21) nell’anticipo di sabato alle ore 15 che farà coppia con il derby piacentino Castellana Fontana-Gotico Garibaldina. Sicuramente non una sfida semplice per i ragazzi di mister Lombardi, reduci da una vittoria sfumata nei minuti di recupero a causa del gol di Tamagni, che ha permesso al Boretto di equilibrare il risultato. La operaia continuità con cui va in rete la squadra gialloblù  in gol nelle ultime 5 partite, 15 le marcature totali) sarà una sicura fonte di affidamento per il giovane allenatore dei salesi, che si ritroverà contro la seconda difesa meno battuta del campionato, alle spalle solamente dell’ermetica capolista Gotico Garibaldina (14 i gol subiti dai neroverdi, contro i 10 dei biancorossi). Nonostante il cammino dei neopromossi in trasferta sia stato sin qui abbastanza zoppicante, i 7 punti strappati lontani da casa valgono un bottino superiore agli appena 5 che i terzi in classifica sono riusciti a guadagnati tra le mura amiche, a parità di gare disputate (6). Proprio la solidità difensiva dimostrata ha permesso alla Bobbiese di uscire imbattuta dal proprio campo nelle ultime 4 partite, tutte pareggiate contro Boretto, Felino, Alsenese e Futura Fornovo Medesano a cui va aggiunta la partita d’esordio stagionale con la Sammartinese (terminata 1-1). I 7 gol di Rossi, sebbene 4 siano arrivate su calcio di rigore, lo rendono la prima fonte di pensieri della difesa salese, perforata 18 volte in stagione, a fronte di una fase d’attacco non esageratamente prolifica rispetto alla posizione assunta in classifica. Partita molto delicata, dunque, per il Real Sala Baganza che, dopo aver conquistato 1 solo punto nelle ultime 2 giornate, ha visto avvicinarsi pericolosamente la zona play-out di una classifica cortissima che appassiona continuamente con sorpassi e contro-sorpassi ogni fine settimana.

Match di alta classifica per il Carignano (19) che, dopo aver subito una clamorosa disfatta nel derby contro il Felino, si è visto sfumare la vittoria contro la Pontenurese al minuto 89′ ed ora dovrà affrontare la temibilissima Alsenese (25). I piacentini sono una squadra estremamente prolifica, trascinata dal miglior realizzatore del campionato, il parmense Filippo Cocchi (a quota 15) e infatti guidano le classifiche dedicate con ampia distanza dalle inseguitrici. Il dato interessante è quello che mette a confronto la miglior squadra in trasferta, i gialloblù con 16 punti, e la seconda migliore casalinga: i carignanesi hanno trasformato il “Padovani” in una fortezza, conquistando 14 punti dei 19 totali in casa. La formazione di mister Soldi nelle ultime 2 partite ha disperso gran parte del vantaggio accumulato e si trova ora davanti a uno spartiacque della stagione: con la vittoria si aggregherebbe al gruppetto di testa alle spalle del Gotico Garibaldina, un pareggio o una sconfitta sarebbe il passo falso che risucchierebbe i giallorossi nel groviglio di metà classifica di queste prime 14 giornate. Tra gli uomini di mister Soldi mancherà sicuramente Di Mauro – secondo “bomber” in rosa per numero di reti (5) – a causa dell’espulsione rimediata il weekend passato e che lo costringerà ad assistere da fuori questa combattutissima partita e anche la prossima.

Proprio Felino (21) e Pontenurese (15), ultime avversarie del Carignano di mister Soldi, saranno avversarie nel pomeriggio di domenica in una sfida dal sapore molto diverso per le due squadre. La partita, che si giocherà sul campo “Amoretti” di Marzolara alle ore 18, mette a confronto due formazioni che, sebbene separate da soli 6 punti, al momento sembrano avere obbiettivi differenti. Il Felino, grazie alle 6 vittorie (solamente meno di Gotico Garibaldina e Alsenese, 9 e 8), si trova in una posizione che sorride e con un risultato indirettamente favorevole sul campo dei cugini del Carignano inizierebbe a insediare le teste di serie. Davighi e compagni, dopo aver messo abilmente in fila due vittorie difficili come la trasferta di Alseno e il derby con il Carignano, sono caduti malamente (3-1) per la quarta volta in stagione a Medesano lo scorso weekend. Nonostante ciò, la buona situazione di classifica potrebbe diventare anche migliore, se arrivasse la vittoria contro una Pontenurese che sta vivendo una stagione molto travagliata. I biancazzurri, sebbene siano in ripresa (7 punti nelle ultime 4 partite, su un totale di 15 conquistati), sono stati protagonisti di un terribile inizio che ha costretto l’ambiente a ridimensionare le mire stagionali. Entrambe tendono ad avere una certa facilità nel concedere e nel segnare, e lo fanno con grande impiego di giocatori diversi. Sponda rossoblù sono Pioli e Mora a guidare l’attacco con 4 gol a testa, per la Pontenurese rispondono Bamba e Storchi rispettivamente con 5 e 4 reti segnate.

La Futura Fornovo Medesano (20) cercherà di dare continuità all’ottimo risultato ottenuto in casa proprio contro il Felino per potersi unire alla lotta tra le migliori del torneo. L’imprevedibile e pirotecnico avversario di turno sarà il Campagnola (18), squadra con minor equilibrio del campionato come raccontano i 25 palloni depositati in porta e i 28 raccolti dalla propria. Nonostante i rosanero siano la peggior difesa del girone A, la palma argentea del miglior attacco ha garantito ben 18 punti ai reggiani, quota superata di poco dal gruppo guidato da mister Piscina a solamente 2 lunghezze in più. I risultati del Campagnola raccontano una completa ribellione alla logica calcistica, con ben 6 gare dove sono stati segnati almeno 4 gol, culminate con il tennistico 6-5 di Carignano del 29 ottobre. Sarà una grandissima sfida fra due dei tridenti meglio assemblati del campionato, con il trio argentino Sgro-Gargiulo-Vota a segno 15 volte (conduce Gargiulo a 9) che farà da controparte agli irrinunciabili Traore-Landini-Bernardini, che con 12 reti sta trascinando la Futura verso le migliori destinazioni.

Non vuole smettere di correre il Noceto (18), che ha svoltato il proprio tragitto con una secca inversione a U ed ha uno score di 4 vittorie nelle ultime 5 partite. La trasferta a Rio Saliceto contro i rossoneri della Riese, che tallonano i nocetani a 17 punti, presenta diverse insidie e tra le tante spicca il nome Fantastico. Il numero 9 sta vivendo un momento di forma degno del nome e ha apposto la firma su 5 degli 8 gol segnati nelle ultime 5 partite dai reggiani. Noceto e Riese hanno concesso lo stesso numero di reti, ma primeggiano i gialloblù per quelle messe a referto ed è proprio al suo inesauribile attacco che si affiderà ancora una volta mister Setti. Avversario spinoso quello che affronteranno i nocetani ma per niente infallibile sul proprio campo (8 i punti in casa), il che lascia spazio al miglioramento del bottino esterno e al continuo di una rimonta incredibile per quella che fino a poco fa era un fanalino di coda della classifica.

Chi ancora naviga nelle acque fonde della classifica è Il Cervo (8), che in settimana ha deciso di cambiare guida tecnica e di ri-affidarsi alle cure di mister Bertani (clicca qui). La partita di domenica è un vero e proprio crocevia del campionato, in quanto la Sarmatese (14) resta una delle squadre immediatamente più vicine alla posizione dei neroverdi (6 i punti di distacco tra i collecchiesi, ultimi, e i piacentini, terzultimi). Non ha alcun margine di errore la formazione neroverde per non arrivare isolata alla sosta natalizia. Non manca certo il materiale da cui ripartire: sarà compito del nuovo allenatore farsene carico e ricominciare la stagione dalla trasferta di Sarmato. Il pericolo si chiama Squintani, autore di 8 reti in stagione, che ha tutte le intenzioni di inguaiare i collecchiesi e donare stabilità a una squadra, comunque neopromossa, che sta facendo un percorso di tutto rispetto. Per Il Cervo non sarà certamente l’ultima spiaggia, ma la tensione nervosa sarà alle stelle.

 

(In azione, Davighi e Delfante in Futura Fornovo Medesano-Felino 3-1 – Foto: Massimo Morelli)
Commenti
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Promozione gir. A