Entra in contatto:
striscione boys curva nord contro reggiana

Parma Calcio

IL COMMENTO: Parma tritatutto e in costante crescita, il miglior biglietto da visita in vista del big match con l’Altovicentino

IL COMMENTO: Parma tritatutto e in costante crescita, il miglior biglietto da visita in vista del big match con l’Altovicentino

Il replay della gara d’andata: 5-0 per il Parma e tutti a casa a festeggiare. Ancora. Terza vittoria consecutiva, corredata dai soliti e costanti progressi di una squadra che veramente non conosce rivali. La modesta Fortis Juventus certamente non ha impensierito minimamente i crociati (solo una traversa sul punteggio di 4-0), anzi ne ha esalto le doti offensive, con Baraye e Melandri scatenati. La chiave di lettura della partita odierna, oltre all’enorme differenza tecnica tra le due squadre, sta nell’approccio da “cannibale” che il Parma ha avuto sin dall’inizio della gara. Pressing costante, ritmi alti, giro-palla efficace, giocate di prima, sovrapposizioni, verticalizzazioni e triangolazioni. Ma soprattutto, una valanga di gol. Tutto perfetto. Un Parma che assomiglia ad un prezioso diamante, il cui valore cresce con il passare delle domeniche.
In mezzo a tanto splendore, spiccano anche i singoli: la doppietta di Baraye (come nella gara d’andata) grazie ad un assist da favola di capitan Lucarelli (dopo aver saltato due giocatori sulla sinistra, il secondo con un tunnel) e ad un altro di Messina (complice un’indecisione tra difensore e portiere della Fortis); in mezzo il gol del 2-0 di Corapi su rigore, dopo un netto fallo di Duda su Melandri lanciato a rete. Il primo tempo si è chiuso 3-0, nella ripresa il Parma abbassa i ritmi e prova ad addormentare l’incontro, ma è solo un’illusione, fomentata anche da qualche sporadico contropiede della Fortis; il 4-0 è del tarantolato Melandri (diagonale perfetto), il quinto gol porta la firma di Miglietta, uno dei migliori in campo. E’ una sinfonia che riempie di gioia tutti, dentro e fuori dal campo. Le traverse di Melandri e Zambon (sul 4-0), il rigore sbagliato da Guazzo (tiro debole e centrale), l’esordio positivo di Mazzocchi e gli strafalcioni dello speaker dello stadio fanno da contorno ad una domenica da sballo. Il miglior biglietto da visita in vista del big match di domenica in casa dell’Altovicentino che oggi ha battuto 4-0 la Correggese e resta a -7 dalla vetta; una partita che potrebbe sentenziare la fine anticipata del girone D di serie D. Il Parma è in forma smagliante.

(Nella foto la coreografia “ironica” della curva Nord – Foto Er)

Commenti
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Parma Calcio