Entra in contatto:
team trenkwalder 566761586

Ciclismo

Team Trenkwalder Guerciotti Endurancenter, il 2011 si chiude con due vittorie a Praga

Team Trenkwalder Guerciotti Endurancenter, il 2011 si chiude con due vittorie a Praga

Il Team Trenkwalder Guerciotti Endurancenter ha chiuso la stagione 2011 centrando due bei successi e una prestigiosa medaglia di bronzo a Praga, nella gara valida per la Coppa Europa Uci di Paraciclismo.

Nella splendida capitale della Repubblica Ceca, a far festa sono stati Fabio Nari e Katia Landi, mentre Romeo Gazzetta è salito sul secondo gradino del podio. Nari ha primeggiato nella categoria T1 maschile, battendo il ceco Pavel Opl e il tedesco Markus Landi e coronando così una stagione ricca di successi e soddisfazioni: un’annata in cui ha dimostrato di meritare la maglia azzurra. La Landi invece ha vinto la gara riservata alla categoria T1 femminile davanti alla slovacca Simona Matickova, mentre Gazzetta, che gareggia nella categoria più agguerrita e competitiva, la C5, è stato battuto solo dal fortissimo austriaco, pluricampione del mondo, Wolfgang Eibeck, precedendo il paralimpionico tedesco Sacher. Davvero una gran prova la sua, che s’è dovuto scontrare con tanti atleti reduci dal Mondiale di Paraciclismo di Copenaghen. Buona anche la prestazione di Aki Doku, sesto nella categoria handbike H2.

La squadra parmigiana è stata guidata dal d.s. Thomas Zammicheli e dal team manager Daniele Zammicheli: “E’ stata un’altra trasferta ricca di soddisfazioni –spiega Daniele-, che ha messo in evidenza le potenzialità di questo gruppo e ci ha permesso di vivere una bella esperienza, consolidando il rapporto umano e quei valori di amicizia e solidarietà che stanno alla base di un progetto come il nostro. Il bilancio di questo 2011 non può che essere positivo, benché le difficoltà ci siano state, ma le abbiamo superate con passione e voglia di fare. Grazie a tutti i nostri atleti, Josefat Tizzi, Aki Doku , Luciano Caironi, Dorel Ungurean, Katia Landi, Fabio Nari e Romeo Gazzetta, per tutti i sacrifici e per l’entusiasmo che ci mettono”.

Commenti
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Ciclismo